23. «Senza volante»

  • Stampa

23

Torino, 3 settembre 1946. Tazio guida con i braccetti di supporto del volante della Cisitalia.

Non vince più come un tempo ma è ancora lui a «fare notizia», più di ogni altro. Il 3 settembre, a Torino, disputa la Coppa Brezzi. Al primo giro è al comando. Al secondo transita sul rettilineo del traguardo agitando il volante della Cisitalia che gli è rimasto in mano. Ma non abbandona, guida per un altro giro con i monconi della staffa alla quale il volante era fissato, poi si ferma al box e lo fa sostituire, riparte, torna a fermarsi per altri guasti, parte di nuovo con il cofano scoperchiato e arriva tredicesimo. L’episodio eccita l’immaginazione di tutti e finirà difilato in qualche profilo biografico un po’ più naïf degli altri, in cui si leggerà che Nuvolari era il campione che «vinceva anche senza volante».

FaLang translation system by Faboba